0

Aperto dalle 10.00 alle 17.00

Le reti di contatto del Laténium

Iron Age Europe

La rete IRON AGE EUROPE è stata creata dal Laténium nel 2011 in occasione del suo decimo anniversario . Si tratta di un partenariato internazionale tra istituzioni dedicate alla ricerca, alla preservazione e alla valorizzazione di siti archeologici e di collezioni emblematiche dell’Europa dell’età del Ferro.

Lo scopo è il raggruppamento delle risorse logistiche e delle competenze scientifiche dei suoi membri, al fine di rafforzare i partenariati di tutti i tipi (esposizioni, pubblicazioni, conservazione, mediazione culturale). Raggruppa attualmente, al fianco del Laténium, i siti e i musei archeologici di Bibracte (Borgogna, Francia), Manching e Monaco di Baviera (Germania), Lattes (Monpellier, Francia), Ullastret e Barcellona (Catalogna, Spagna), Ensérune (Béziers, Francia), Losanna (Vaud, Svizzera) e Francoforte (Germania).

WHES – World Heritage Experience Switzerland

Nel 2011, il bene seriale « Siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino » è stato iscritto nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO, grazie agli insegnamenti esemplari che questi siti ci danno sulle condizioni di vita durante il Neolitico e l’età del Bronzo. Sui 111 siti iscritti in Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia, 5 si trovano nel canton Neuchâtel.

WHES è l’associazione mantello che coordina la rete turistica dei siti svizzeri iscritti nel Patrimonio mondiale dell’umanità. In collaborazione con le organizzazioni turistiche e la Confederazione, promuove i valori dell’UNESCO e sviluppa la notorietà di questi siti. Il Laténium, Centro maggiore per l’interpretazione dei siti palafitticoli, è membro del WHES ; assicura l’interfaccia tra questo organo e le istanze svizzere incaricate della salvaguardia di questo patrimonio archeologico d’importanza mondiale.

www.whes.ch

Il Servizio Cultura inclusiva di Pro Infirmis

Il partenariato con il Servizio Cultura inclusiva mette in evidenza l’impegno dell’istituzione culturale e rafforza la rete di contatti a livello nazionale e nei più svariati ambiti. Vi invitiamo a utilizzare il seguente testo-modello e il logo «Cultura inclusiva».
Il marchio «Cultura inclusiva» è assegnato dal Servizio Cultura inclusiva di Pro Infirmis alle istituzioni culturali di ogni ambito. Con le loro misure nei cinque campi d’azione «offerta culturale», «accesso ai contenuti», «accessibilità architettonica», «offerte di lavoro» e «comunicazione», i titolari del marchio promuovono l’inclusione e si impegnano a lungo termine e in modo globale a favore della partecipazione culturale delle persone con disabilità.
Il Laténium è titolare del marchio dal 2018. Ritratto sul sito del Servizio Cultura inclusiva.

La Carta dell’inclusione culturale, che costituisce la base dei partenariati, è stata elaborata in un processo partecipativo. Il Laténium si impegna ad agire nel rispetto delle linee guida e a evolvere continuamente.

Qui trovate la Carta